27 Luglio 2019

Un’estate ricca e poliedrica per il Comune di Pontremoli

C’è stato il fine settimana del Premio Bancarella, il Columban’sDay, corsi di design, numerose presentazioni e diversi incontri culturali. Pontremoli d’estate diventa più vivo che mai e lo dimostrano i numeri in continua crescita di turisti e visitatori che ogni giorno si fermano al nuovo ufficio turistico posto in piazza della Repubblica e il sensibile aumento rispetto al 2018 di ingressi al Museo delle Statue Stele lunigianesi.

Bilanci più che positivi che vanno a confermare il trend positivo che da qualche anno a questa parte sta interessando il comune del Campanone. Un risultato che fa ben sperare, frutto di impegno e lungimiranza dell’Amministrazione, che nel corso dei mesi mira a diversificare l’offerta, andando così incontro a più target ed esigenze.

In primo piano sempre l’attrattività della Via Francigena. Sono infatti sempre più numerosi i pellegrini che si avventurano sul tracciato di Sigerico decidendo di approfittare dell’occasione per visitare Pontremoli e le sue numerose bellezze. Ma non sono mancate le novità in questa prima parte di estate 2019.

Si è tenuto il 7 luglio scorso il XXII meeting internazionale “Columban’sDay” che ha richiamato fedeli e Vescovi da tutto il mondo. Una prima volta per il Comune di Pontremoli che ben volentieri ha accolto questo evento che ha portato sul territorio le reliquie di San Colombano e una giornata di fede non solo per le autorità religiose presenti, ma per tutti coloro che hanno voluto partecipare.

Tutto esaurito anche per il fine settimana dei Premi Bancarella Sport e Premio Bancarella. Un week end durante il quale sono state inaugurate numerose altre iniziative che rimarranno sul territorio ancora nei prossimi giorni: la mostra itinerante “Libro d’Artista Toscana Tour” che toccherà ulteriori prestigiose location della Regione di Dante; il Pontremoli Foto Festival, che ancora questo fine settimana porterà la fotografia negli angoli e all’interno di Palazzi, Fortezze e locali del centro storico lunigianese con mostre e workshop di altissimo livello; l’esposizione “Tutto si trasforma” di Peer Veneman al Museo Diocesano, che rimarrà esposta sino al 18 agosto; i corsi di scrittura creativa con l’insegnante americana Martha Cooley, quelli di texture e design con le designer di fama internazionale Gala e Sigga, tutti realizzati dal Progetto Culla di Bratto che proprio in questi giorni sta realizzando un ulteriore corso di Design sostenibile a cui sta partecipando un gruppo di studenti dell’Università di Firenze.

Ha avuto inizio lunedì 22 luglio l’attesissima rassegna dei “Salotti d’Europa”, che come ormai da tradizione, trasforma la suggestiva piazza della Repubblica in un salotto culturale di grande appeal, richiamando scrittori, giornalisti e professionisti di diversi settori, tutti riuniti all’ombra del Campanone per approfondire argomenti di attualità, per raccontarsi o per presentare le proprie opere.

Sabato 27 luglio invece, piazza Italia si prepara a divenire più bella e colorata che mai con il Carnevale Estivo d’Italia: ballerine, spettacoli, esibizioni e soprattutto tanto sano divertimento per bambini, famiglie, giovani ed adulti che tra maschere e stelle filanti daranno vita alla notte più divertente dell’estate pontremolese.

Domenica 28 luglio poi, all’interno dell’imponente Castello del Piagnaro, andranno in scena “Le notti dell’archeologia”. Dalle ore 21.30 la Fortezza aprirà le sue porte insieme al Direttore del Museo delle Statue Stele Angelo Ghiretti, per la conferenza “La Via Romana Parma – Luni tra il crinale appenninico (CisaValoria) e Sorano di Filattiera”. Verrà presentato lo scavo archeologico d’età romana condotto nell’estate del 2018 in località Forno di Versola e verranno presentati i reperti recuperati e mostrata la più probabile prosecuzione del tragitto antico.

Una serata unica, che va ad arricchire il poliedrico contesto culturale in cui Pontremoli è inserito. Difficile definirne i contorni tanto è variegato il suo essere.

E agosto si sa, significa Medievalis.

«Grande è la soddisfazione nel riscontrare l’unanime piacere misto a sorpresa inattesa, da parte dei tanti visitatori che ogni giorno si fermano sulle piazze per guardare, ascoltare, odorare e gustare – ha commentato entusiasta il Sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini -.Tutti uniti dal ribadire quanto Pontremoli, da molti definita “The hiddengem”, offra in una relazione umanizzante, basata su una forte osmosi fra storia, tradizione, cultura, enogastronomia , identità e radici.

Quella grande e forte appartenenza che da sempre caratterizza il popolo di Pontremoli e che, con grande stupore, contagia il visitatore»

Pontremoli si fa letteralmente culla e centro propulsivo di iniziative culturali e non solo, nucleo propositivo e base fondante per tutti coloro che vorranno conoscerla e scoprirla, in tutti i suoi angoli, in ogni sua stimolante sfumatura.

Ufficio Stampa

 

Condividi
INDIETRO